21 articoli dell'autore Gaetano Taverna

Gaetano Taverna 31/10/2020 0

La trama di un romanzo

Nello scrivere un romanzo, o un racconto, ogni autore imposta il suo progetto di scrittura creativa in base alla propria esperienza, cultura, prassi, fonti, coinvolgendo quello che io chiamo il patrimonio dell'autore, un patrimonio che parte di certo dalla creatività (ispirazione, fantasia), passa per la volontà o entusiasmo di portare avanti il proprio progetto, e si finalizza nella ideazione della trama, elemento fondamentale e prezioso per la stesura del romanzo. 

Nulla vieta, ovviamente, di scrivere senza una trama preimpostata, magari facendosi prendere dall'improvvisazione, dal momento. Quella scrittura istintiva che nasce da una sensazione, da un'intuizione, per intenderci, dalla famosa folgorazione.

Ogni autore ha il suo stile. Anche a me piace lasciarmi andare nell'improvvisazione, ma prima o poi ho bisogno di fare il punto per evitare di perdermi, di uscire da quell'idea che mi ha spinto a iniziare un nuovo progetto di scrittura. E allora, lascio da parte il testo del romanzo e mi dedico alla trama, al plot, in gergo.

Ideare una trama magari avvincente e coinvolgente, potrebbe non bastare, è necessario rispettare la coerenza e soprattutto la logica degli eventi che si desidera presentare. A differenza della vita reale, dove le cose possono accadere anche fuori del nostro controllo, in letteratura nulla viene lasciato al caso attribuendo un fine ben preciso agli eventi presentati.

Sono tanti i supporti che ogni autore può dotarsi per strutturare una trama efficace: qui presento uno schema da me realizzato che permette di usare la famosa regola delle 5 "W" (WHO, WHAT, WHEN, WHERE, WHY), una regola nata per il giornalismo anglosassone, ma largamente sfruttata - e adattata - per la scrittura creativa.

Il file excel si compone di tre fogli: nel primo è riportato lo schema vero e proprio con le 5 W da compilare per l'ideazione della trama e con il riferimento al suo CLIMAX, il culmine degli eventi concatenati che si vogliono descrivere. Il secondo foglio è utile per contornare i personaggi del romanzo, protagonisti principali e secondari. Il terzo foglio è utile per presentare il romanzo, con il titolo provvisorio, il formato utilizzato nella stesura, una descrizione del progetto e una breve sinossi. L'obiettivo dello schema, nella sua interezza, è quello di non perdere di vista i contenuti principali e l'ispirazione di massima che compongono il progetto di scrittura creativa che si desidera realizzare.

Scrivere è una bellissima arte e come tale deve essere rispettata, soprattutto evitando la pretesa di saper scrivere solo perché siamo stati folgorati dalla Musa della creatività.

Ultimo consiglio: prima di scrivere, leggiamo il più possibile, libri di ogni genere, perché si impara davvero tanto dalla lettura. E comunque, come dice lo scrittore e sceneggiatore francese, Michel Houellebecq, «Vivere senza leggere è pericoloso, ci si deve accontentare della vita, e questo comporta notevoli rischi.»

Leggi tutto

Gaetano Taverna 20/10/2020 0

Lavorare nel mondo del Web: formazione professionale

Segnalo un'interessante iniziativa di formazione professionale rivolta a chi desidera essere un professionista del web nella realizzazione di un progetto web completo, dal concept alla realizzazione dei contenuti, dall'ottimizzazione delle pagine al marketing, e così via.

Avendo realizzato questo mio sito personale utilizzando la piattaforma open source Geecom, posso dire che il progetto in questione è davvero interessante perchè permette di gestire con facilità e in piena autonomia un sito web per le diverse finalità, un blog personale, una testata giornalistica, una vetrina aziendale, un negozio online di e-commerce.

Il corso  sarà composto da 40 lezioni online di 1 ora e mezza cadauna ed è una buona opportunità per quei giovani che desiderano avvicinarsi al mondo professionale del Web. Cliccando di seguito si potranno visualizzare i dettagli del corso: Accademia Geecom.

Leggi tutto

Gaetano Taverna 17/10/2020 0

L'ombra del Duce, la curiosità di un romanzo ucronico

“L'ucronìa (anche detta storia alternativa, allostoria o fantastoria) è un genere di narrativa fantastica basata sulla premessa generale che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo rispetto a quello reale.” (da Wikipedia)

In letteratura sono diversi gli autori che sono riusciti a presentare delle realtà alternative rispetto al corso storico reale. Uno fra tutti è quello che considero uno dei più grandi scrittori di fantascienza, lo statunitense Philip Kindred Dick (1928 – 1982), che, con il suo La svastica sul sole del 1962, ha descritto una realtà in cui le potenze dell'Asse (Germania e Giappone) hanno vinto la seconda guerra mondiale e dominano gran parte del mondo (da questo libro è stata tratta una serie TV, L'uomo nell'alto castello, che mi ha appassionato su Amazon Prime Video per tutte e quattro le stagioni prodotte).

Come autore, ritengo che scrivere un romanzo ucronico è tutt’altro che semplice. La presentazione e descrizione di una realtà alternativa, richiede una conoscenza, per non dire, una passione, della storia nella sua interezza, soprattutto direi dei personaggi e dei contesti in cui i fatti sono realmente accaduti. Partendo da qui, l’autore ucronico si assume una responsabilità non indifferente, perché stravolge il corso reale della storia creando un universo parallelo, dove gli stessi protagonisti del mondo reale percorrono un corso storico del tutto diverso.

Un esempio è il romanzo “L’ombra del Duce” (Edizioni Epoké), di Michele Rocchetta: l’autore ha dimostrato con questo romanzo di riuscire a presentare una realtà del dopo guerra davvero alternativa. Hitler rimane ucciso nell’attentato del 1944 conosciuto come Operazione Valchiria, ponendo fine così alla guerra in Europa. Mussolini è in fuga con i suoi fedelissimi. l’Italia è divisa in due parti, con i Savoia che governano il sud e la Repubblica Federale dell’Alta Italia, nata dalla lotta partigiana, che governa il nord. In questo scenario si muovono i due protagonisti, l’italiano Alberto Scandellari e il francese Georges Leconte, due spie che hanno il compito di trovare il Duce. La loro missione li porta in diversi contesti che l’autore presenta, Spagna, Grecia, Corsica, Francia, permettendo al lettore di percepire le atmosfere spesso affascinanti delle località e dei paesaggi descritti.

Un romanzo che attraverso l’ucronia si presenta come una spy story, con minuzie di particolari che ricorda molto lo stile di un maestro dei romanzi di spionaggio come Frederick Forsyth, soprattutto nelle scene di azione con la descrizione delle armi e delle tecniche militari utilizzate dai due protagonisti.
Un libro che appassiona anche perché fino all’ultimo sei attratto dalla curiosità di sapere come si evolve la realtà ucronica presentata, ovvero come i protagonisti della storia reale si introducono e si muovono nell’universo alternativo creato dall’autore.

Ora non mi rimane altro che leggere il seguito, “Extrema Ratio” (Edizioni Epoké), certo che riuscirà a incuriosirmi e ad attrarmi come “L’ombra del Duce”.

Scheda del libro di Edizioni Epoké: cliccare qui.

Leggi tutto

Gaetano Taverna 15/10/2020 0

Un giallo raffinato: I segreti di Sandy Neck

Quando non vedi l’ora di tornare a casa per riprendere la lettura del libro che stai leggendo, allora significa che è scattata quell’attrazione fatale che ti legherà al libro fino all’ultima pagina. Un’attrazione che non scatta da sola, ma ha bisogno degli ingredienti giusti: suspence, colpi di scena, personaggi ben caratterizzati, descrizioni non noiose, introspezioni a giuste dosi.

Quello che mi ha colpito è la descrizione del contesto di Sandy Neck, una località del Nord America, con uno stile che ricorda molto i romanzi della letteratura americana.
Un giallo raffinato, da non perdere.

Scheda del libro di Edizioni Il Vento Antico: cliccare qui.

Leggi tutto

Gaetano Taverna 08/10/2020 0

Lo Scautismo

È ormai risaputo, e accertato, che lo scautismo, o scoutismo, sia ormai da tempo una realtà educativa importante per la crescita e maturazione dei bambini, dei ragazzi e dei giovani. Lo scautismo però va oltre a quegli aspetti che riguardano il suo ruolo educativo a supporto delle famiglie. Mi riferisco a quelle occasioni di formazione della persona che coinvolge a 360 gradi l’individuo, dall’età evolutiva fino all’età adulta. Una formazione permanente in cui la persona è parte attiva e sente di essere il protagonista della propria esistenza.

Per quasi 40 anni lo scautismo è stato parte della mia vita, prima come ragazzo, entusiasta di giocare il gioco, di vivere l’avventura scoprendo la natura e le persone che mi erano attorno, in una dimensione di comunità. Poi come giovane, convinto di poter essere utile agli altri, scoprendo la società in cui vivevo, in una dimensione di servizio. Infine come adulto, sicuro di poter offrire la competenza e l’esperienza in una dimensione di formazione.

La Legge Scout recita che “la Guida e lo Scout sorridono e cantano nelle difficoltà”. Non è stato facile, sono state tante le pressioni che ho vissuto giorno per giorno, soprattutto perché il servizio rivolto ai ragazzi o agli adulti richiedeva molto sacrificio personale. Lo studio, il lavoro, la famiglia, gli affetti, le amicizie, sono stati elementi che non sempre sono riuscito a coniugare con il servizio scout e a volte sono stati sacrificati per lasciare spazio all’impegno che mi ero assunto.

A un certo punto, però, ho dovuto fare una scelta non facile, quella di lasciare il servizio attivo e quindi di non vivere lo scautismo in prima persona. La salute e le priorità di famiglia e di lavoro richiedevano un attenzione maggiore e quindi a malincuore, ho dovuto riporre la camicia e il fazzolettone.
Tuttavia, nella vita di tutti i giorni, credo di essere riuscito, e di riuscire ancora, a testimoniare i valori dello scautismo portando avanti con coerenza quello stile che mi permette di sentirmi sempre uno scout. Semel Scout Semper Scout (in italiano Scout una volta, Scout per sempre, in inglese Once Scout, Forever Scout), non è soltanto un motto, ma è un valore, un invito che sento dentro di continuo.

Lungo la strada percorsa ho conosciuto tante belle realtà, tante belle persone, tante sorelle e fratelli scout con i quali ho condiviso una buona fetta della mia vita. È stato inevitabile il legame e anche quando qualcuno ci ha lasciato per raggiungere la Casa del Padre, è stato bello poter ricordare i momenti vissuti insieme mantenendo viva la sua memoria.

In questa mia nuova avventura nel web, ho voluto dedicare alcune pagine allo Scautismo, in particolare al ricordo di un caro amico, che è stato un fratello scout e un padre spirituale, Padre Carlo Huber S.J., e a quell’esperienza delle Aquile Randagie, che ha contraddistinto lo scautismo in clandestinità durante il fascismo, che ritengo non debba mai essere dimenticata.

Leggi tutto

Gaetano Taverna 04/10/2020 0

La libertà di Cyrano de Bergerac

«Cantare, ridere, sognare, essere indipendente, libero, guardare in faccia la gente e parlare come mi pare, mettermi, se ne ho voglia, il cappello di traverso, battermi per un sì per un no o fare un verso. Lavorare senza curarsi della gloria e della fortuna alla cronaca di un viaggio cui si pensa da tempo, magari nella luna! Non scrivere mai nulla che non sia nato davvero dentro di te! Appagarsi soltanto dei frutti, dei fiori e delle foglie che si sono colte nel proprio giardino con le proprie stesse mani! Poi, se per caso ti arriva anche il successo, non dovere nulla a Cesare, prendere tutto il merito per te solo e, disprezzando l'edera, salire, anche senza essere né una quercia né un tiglio, salire, magari poco, ma salire da solo!»

Leggi tutto

Gaetano Taverna 04/10/2020 0

In ricordo di un amico: Stefano Buso

La scomparsa di un amico provoca sempre un forte dolore, soprattutto se con lui abbiamo condiviso delle comuni passioni, un progetto, un cammino, o più semplicemente dei momenti di spensierate chiacchierate, magari a distanza.
Nell’aprile del 2010 pubblico su Cucinet.com un articolo sui Bàcari veneziani e con l’occasione entro in contatto con un esperto enogastronomo e wineblogger veneziano, Stefano Buso.
Da quel momento, in maniera spontanea nasce un’amicizia basata sulla comune passione per la cucina, il buon vino e la scrittura.

Iniziamo quindi a collaborare nella scrittura di articoli per Cucinet.com (come le pagine pubblicate nella rubrica Winemozione). Sempre nel 2010 Stefano mi pregia della prefazione del mio secondo romanzo (Storia di cucina, amore e follia).
A seguire ci lanciamo in un progetto di scrittura a quattro mani di un romanzo storico ambientato nel Medioevo, sfruttando la sua competenza sulla cultura e sugli usi e costumi medievali. Un progetto che purtroppo non riusciamo mai a concludere. Tramite Stefano conosco dei nuovi amici, come il Prof. Leonardo Vecchiotti.

Il tempo passa e i contatti si diradano. Qualche messaggio o telefonata, sempre con la promessa di rivederci magari a Firenze o a Bologna, gustando un buon piatto e brindando con un buon rosso. Poi, quando meno te lo aspetti, la telefonata che non avresti mai voluto ricevere.
Il pensiero ora va alla sua famiglia, a sua moglie, ai suoi figli, a cui rivolgo il mio cordoglio e la mia vicinanza.
Ciao Stefano, un abbraccio affettuoso e grazie per la tua sincera amicizia.

Stefano Buso, freelance, wineblogger, enogastronomo, si è occupato per diversi anni di arte culinaria, studi e storia sul gusto. È stato autore di pubblicazioni tematiche a sfondo storico-gastronomico. Membro e Ambasciatore dell'AIGS (Accademia Italiana Gastronomia Storica) e socio ASA (Associazione Stampa Agroalimentare Italiana). Nel 2008 ha ottenuto la Nomination al premio Luigi Veronelli. Nel gennaio 2020 ha ottenuto il patentino di giornalista pubblicista.

Leggi tutto

Gaetano Taverna 03/10/2020 0

In pochi a nuoto arrivammo qui sulle vostre spiagge

[Virgilio, Eneide, Libro I 538-543]: «Huc pauci vestris adnavimus oris. Quod genus hoc hominum? Quaeve hunc tam barbara morem permittit patria? Hospitio prohibemur harenae; bella cient primaque vetant consistere terra.
Si genus humanum et mortalia temnitis arma, at sperate deos memores fandi atque nefandi.»

 «In pochi a nuoto arrivammo qui sulle vostre spiagge. Ma che razza di uomini è questa? Quale patria permette un costume così barbaro, che ci nega perfino l’ospitalità della sabbia; che ci dichiara guerra e ci vieta di posarci sulla vicina terra.
Se non nel genere umano e nella fraternità tra le braccia mortali, credete almeno negli dèi, memori del giusto e dell’ingiusto.»

Leggi tutto

Gaetano Taverna 03/10/2020 0

Er nemico

«Dall’America all’Europa all’Italia sembra uscire allo scoperto, fomentato da politici e media irresponsabili e amplificato dai pareri espressi sui social media, un clima aperto di razzismo e xenofobia, come se l’espressione di odio razziale nei confronti dei migranti o delle minoranze, anche con linguaggi e gesti violenti, non fosse più un tabù ma una legittima opinione».

Scrive così Vittorino Andreoli, famoso psichiatra italiano nonché scrittore e poeta. Le parole di Andreoli mi hanno colpito molto e mi hanno ricordato "Er nemico", una famosa poesia di Trilussa che, pur scritta nel 1919, appare  drammaticamente attuale.

Er nemico

Un Cane Lupo, ch’era stato messo
de guardia a li cancelli d’una villa,
tutta la notte stava a fa’ bubbù.
Perfino se la strada era tranquilla
e nun passava un’anima: lo stesso!
Nu’ la finiva più!
Una Cagnola d’un villino accosto
je chiese: – Ma perché sveji la gente
e dài l’allarme quanno nun c’è gnente? –
Dice: – Lo faccio pe’ nun perde er posto.
Der resto, cara mia,
spesso er nemmico è l’ombra che se crea
pe’ conserva’ un’idea:
nun ce mica bisogno che ce sia.

Leggi tutto

Gaetano Taverna 03/10/2020 0

Fair Play, il romanzo di Claudio Pallottini

Segnalo un bellissimo romanzo pubblicato da Marsilio dal titolo “Fair Play”, scritto dall’amico Claudio Pallottini, attore, sceneggiatore e regista. Claudio è stato capace di dare umanità a quel mondo cinico e spietato che è il calcio professionistico. Non solo, si è inventato una storia talmente campata in aria, ma descritta con abilità e maestria da apparire reale. Sì, come una specie di bel sogno che quando ti svegli fai di tutto per addormentarti e ritornare a riviverlo.

Che dire: fra tanti libri che leggo, questo mi lascerà dentro qualcosa che rimarrà. Forse sarà per la nostalgia di quei personaggi del calibro di Ivan e di padre Claudio che nella realtà lascerebbero davvero un segno indelebile e non solo nel mondo del calcio; forse sarà per la poesia che trapela tra le righe. O magari più semplicemente sarà perché è un bel libro e merita di essere letto.

Scheda del libro della Casa Editrice Marsilio: cliccare qui.

Leggi tutto